Misteriosi volti scolpiti nella pietra emergono dalla scogliera di Africo

volto scolpito nella roccia scogliera di africoMisteriosi volti scolpiti nella pietra emergono dalla scogliera di Africo. Dopo la straordinaria scoperta dei Bronzi di Riace, le spiagge della costa jonica potrebbero aver regalato alla Calabria, ed al mondo intero, un nuovo straordinario tesoro archeologico.

La scoperta risale appena a pochi giorni fa. Una donna ha notato queste pietre, in riva al mare, che recano delle incisioni con le chiare sembianze di due volti umani. Non si capisce ancora di cosa possa trattarsi. Ciò che è certo è che quelle incisioni non possono essere state scolpite dal vento o dalle onde del mare. 

Di cosa si tratta quindi? A quanto pare lo scopriremo presto! Del caso è già stata informata la Soprintendenza ai Beni Archeologici di Reggio Calabria, che relazionerà sul ritrovamento tentando di datare le pietre per risalire al misterioso scalpellino che le ha incise. 

drago di kaulon MonasteraceRITROVAMENTI ECCELLENTI

La Calabria non è nuova a questo genere di ritrovamenti. Le sue coste sono da sempre un vero e proprio scrigno di tesori per archeologi e appassionati. Giusto per citarne uno, avvenuto in una località molto vicina a quella di Africo, dove sono state rinvenuti i due volti scolpiti nella pietra, ricordiamo il ritrovamento del 2013, a Monasterace Marina, nell’antica Kaulon. Pochi anni fa qui è affiorato il più grande ed articolato mosaico ellenico della Magna Grecia.

Lo scavo è iniziato nel 1998 e già nel 2012 aveva portato alla scoperta di un mosaico raffigurante un drago, un rosone e sei riquadri con motivi floreali.  Al termine del lungo lavoro si è conclusa la pulizia di nuovi riquadri che compongono la pavimentazione a mosaico della sala termale della cosiddetta Casa Matta. Gli altri riquadri scoperti raffigurano un piccolo delfino, un nuovo drago ed un altro grande delfino che fronteggia il drago scoperto lo scorso anno.

L’ambiente è stato ribattezzato “La sala dei draghi e dei delfini” e la scoperta conferma che ci si trova in presenza di uno dei più grandi mosaici ellenistici di Magna Grecia, con una estensione di circa 30 metri quadrati. La loro cronologia oscilla tra la fine del IV ed i primi decenni del III sec. 

scogliera africo capo bruzzanoLA SCOGLIERA DI AFRICO

Vicinissima al promontorio di Capo Bruzzano di cui ricalca in parte bellezza e naturalezza, la scogliera di Africo è un luogo che risulta ancora naturalisticamente quasi intatto. Non ci sono servizi proprio per la sua conformazione geografica che non rende possibile la costruzione di stabilimenti balneari ne di abitazioni. E’ possibile quindi sentirsi immersi completamente nella natura. La Strada Statale 106 che percorre tutta la costa, permette di ammirare questo splendido piccolo paradiso. Un bagno in queste acqua non può mancare.

 

Ti è piaciuto questo articolo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *