Reggio Calabria sul tetto del cinema mondiale: Marcello Fonte premiato a Cannes come miglior attore

Reggio Calabria sul tetto del cinema mondiale: il reggino Marcello Fonte è stato premiato a Cannes con la Palma d’oro come miglior attore per la sua performance nel ruolo di protagonista in Dogman di Matteo Garrone.

Nato a Melito Porto Salvo ma cresciuto nel quartiere Archi, periferia nord di Reggio Calabria, Marcello Fonte ha ricevuto il premio da una firma d’autore del cinema italiano come Roberto Benigni. “Sono felice, vorrei abbracciarvi tutti” ha detto il quarantenne felicissimo per il riconoscimento.

La stampa internazionale scomoda paragoni importanti definendolo un misto tra Buster Keaton e Peter Lorre.
“Quando ero piccolo – ha detto – pioveva sulle lamiere, chiudevo gli occhi e immaginavo di sentire gli applausi. Ora gli applausi arrivano calorosi, sento che voi e il cinema siete la mia famiglia”.

CHI E’ MARCELLO PONTE? 

Marcello Ponte è nato a Melito Porto Salvo il 7 novembre del 1978. Vive la propria infanzia e adolescenza ad Archi, in periferia di Reggio Calabria. Un quartiere storicamente associato alla criminalità organizzata dove però negli ultimi anni sono state avviate diverse iniziative di rigenerazione del tessuto urbano. 

All’età di 10 anni impara a suonare il rullante nella banda musicale del paese (esperienza che rielaborerà nel film autobiografico Asino vola). Si trasferisce a Roma nel 1999. Qui, spinto dal fratello scenografo, si appassiona alla recitazione e ottiene piccole parti in produzioni televisive e cinematografiche.

Nel 2015 scrive, co-dirige (con Paolo Tripodi) e interpreta Asino vola, presentato al Locarno Festival all’interno della sezione Piazza Grande. Successivamente recita nella serie tv La mafia uccide solo d’estate di Luca Ribuoli (2016) e nei film L’intrusa di Leonardo Di Costanzo (2017) e Io sono Tempesta di Daniele Luchetti (2018).

Nello stesso anno interpreta il ruolo del protagonista in Dogman, pellicola di Matteo Garrone per cui vince il Prix d’interprétation masculine al Festival di Cannes.

Ti è piaciuto questo articolo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *